Fare clic sul pulsante per visualizzare la mappa.

Indirizzo & Contatto

Il nosto indirizzo

Colombia

COLOMBIA: Adil Meléndez Márquez, avvocato per i diritti dell’uomo minacciato

 

Il 6 dicembre 2019, Adil Meléndez ha ricevuto delle minacce per telefono e ha presentato una denuncia alle autorità competenti. M. Meléndez è convinto che le minacce siano direttamente collegate alla sua attività di avvocato, come difensore di presunti violatori di diritti umani che hanno espresso la volontà di comparire dinanzi al Tribunale speciale per la pace (PEC) e dire la verità.

Le minacce non solo ostacolano la capacità di M. Meléndez di esercitare liberamente la professione legale, ma ostacolano anche la realizzazione del diritto di accesso alla giustizia e il diritto delle vittime alla verità, alla giustizia, alla riparazione e alla non ripetizione, che sono i pilastri su cui si basa il sistema giudiziario di transizione colombiano.

Inoltre, le misure adottate per la protezione di M, Meléndez non sono state sufficientemente modificate per rispondere all’attuale situazione di rischio. Nel marzo 2019, diverse organizzazioni, tra cui l’Osservatorio internazionale degli avvocati in pericolo, hanno espresso preoccupazione alle autorità colombiane in merito alla revoca fatta nei confronti dell’avvocato nel dicembre 2018 del veicolo blindato fornito dall’Unità nazionale di protezione (UNP) e dalla sostituzione con un’automobile normale. Attualmente non sappiamo se le misure di protezione nei confronti di M. Meléndez sono state rafforzate per assicurare la sua sicurezza a causa di un rischio più elevato.

Meléndez, a causa dell’elevato livello di rischio, ha dovuto chiedere sostegno finanziario all’Organizzazione Front Line Defenders per adottare ulteriori misure di protezione a casa e in ufficio.

Alcune delle organizzazioni firmatarie lavorano a stretto contatto con M. Meléndez e lo hanno incontrato in diverse occasioni, come durante l’ultima visita di M. Meléndez in Europa nel dicembre 2019. Il loro lavoro è essenziale per promuovere la giustizia e proteggere i diritti dell’uomo in Colombia, specialmente nella regione dei Caraibi.

Nel 2006, la Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) ha garantito a M. Meléndez misure precauzionali, chiedendo al governo colombiano di adottare le misure necessarie per proteggere la sua integrità fisica e consentirgli di svolgere il suo lavoro. Partiamo dal presupposto che l’IACHR continua a monitorare la situazione relativa alla sua sicurezza.

L’OIAD condanna fermamente le minacce mosse contro l’avvocato Adil Meléndez Márquez.

L’OIAD incoraggia le autorità colombiane ad attuare le misure necessarie per garantire la vita e il lavoro dell’avvocato, rivedendo e rinnovando il suo regime di protezione.

L’OIAD sostiene pienamente tutti gli avvocati colombiani che si occupano di diritti umani che mettono a rischio la propria vita per il legittimo esercizio della propria professione.

L’OIAD ricorda alle autorità colombiane i Principi di base delle Nazioni Unite sul ruolo della Ordine degli avvocati del 1990, che stabiliscono che “Quando la sicurezza degli avvocati è minacciata nell’esercizio della loro funzione, devono essere adeguatamente protetti dall’ autorità“(Principio n°17).